Tutelaprima

Infortunistica stradale: Come ottenere consulenza gratuita

Condividi
  1. Infortunistica stradale, perché rivolgersi ad uno studio tecnico-legale?
  2. Infortunistica stradale, perché rivolgersi a Tutelaprima?
  3. Riferimenti normativi: Chi paga le spese di consulenza infortunistica stradale?

Quando avviene un sinistro stradale, spesso chi è coinvolto ignora le azioni da intraprendere sia nell’immediato, sia successivamente affinché sia riconosciuto il suo diritto al risarcimento del danno subito. 

L’infortunistica stradale è una materia molto complessa, che abbiamo più volte affrontato in questo blog sotto diversi aspetti. Se dovessimo dare una definizione sarebbe la seguente:

L’infortunistica stradale è quella disciplina che serve a guidare chi ha subito un danno da incidente stradale, nell’iter burocratico che gli permetterà di essere risarcito adeguatamente.  

Infortunistica stradale, perché rivolgersi ad uno studio tecnico-legale?

I professionisti di infortunistica stradale, oltre ad avere competenze tecnico-legali, conoscono il codice della strada, le dinamiche più comuni con cui avvengono i sinistri stradali, le azioni da intraprendere, i dettagli da non sottovalutare ecc. Si parte, innanzitutto da un accurato studio sulla dinamica dell’incidente, sulle vetture coinvolte, sul luogo nel quale il sinistro è avvenuto (presenza di segnaletica, obblighi di precedenza, stop, eventuali divieti ecc.), si rilevano eventuali prove e testimonianze. Inoltre, grazie alla collaborazione di medici legali e avvocati viene compilato un resoconto della situazione stragiudiziale del danno, unitamente a tutte le pratiche necessarie per richiedere e ottenere il risarcimento.   

La necessità di rivolgersi a professionisti esperti del settore è evidente. La specialistica non esiste solo in medicina, ma anche nell’infortunistica stradale e nel campo più generale del risarcimento del danno. Esistono, infatti, professionisti specializzati in infortunistica stradale, con conoscenze e competenze specifiche. In caso di incidente stradale, ci si rivolge ad uno specialista allo stesso modo con il quale ci si rivolge all’ortopedico in caso di frattura o ad un medico specialista per disturbi e patologie legate a una determinata branca della medicina. 

La storia ci insegna che nell’infortunistica stradale, la casistica è varia e le condizioni cambiano in base alle diverse situazioni, che la dinamica stradale va ad innescare. Questo è un motivo in più per il quale è fondamentale affidarsi a professionisti esperti, evitando nel modo più assoluto il fai-da-te. Inoltre, la consulenza di infortunistica stradale è completamente gratuita.La compagnia di assicurazione è obbligata a risarcire il danno e a pagare la consulenza di uno studio.  

Infortunistica stradale, perché rivolgersi a Tutelaprima?

Tutelaprima vanta anni di esperienza nel campo dell’infortunistica stradale e del risarcimento del danno, grazie anche alla collaborazione attiva con professionisti che abbracciano più campi

Ritornando all’esempio di prima, cioè della necessità di rivolgersi ad un ortopedico in caso di frattura o lesioni a una gamba, Tutelaprima ha una funzione specifica a 360 gradi, perché funziona come un poliambulatorio, una clinica con più reparti di eccellenza.

Il nostro studio opera su tutto il territorio nazionale, attraverso una squadra di professionisti di prim’ordine (avvocati, periti tecnici, ingegneri, esperti in sicurezza del lavoro, medici legali, carrozzerie convenzionate, strutture ospedaliere, centri di riabilitazione). 

Le nostre competenze operano in sinergia perfetta, per aiutare il cliente a calcolare in modo esatto l’entità del danno e ottenere il massimo risarcimento. 

Tutto ciò avviene a COSTO ZERO per il cliente. 

La consulenza di Tutelaprima è completamente gratuita, in quanto gli onorari sono riconosciuti interamente dalla compagnia assicurativa, come stabilisce la legge. 

I professionisti Tutelaprima seguono il cliente in tutto l’iter processuale, sia nelle fasi preliminari di preparazione, sia nella valutazione di un eventuale accordo risarcitorio e nella fase delicata del giudizio. 

Riferimenti normativi: Chi paga le spese di consulenza infortunistica stradale?

L’Ivass, infatti, ha più volte evidenziato come il requisito della congruità dell’offerta, si soddisfa anche attraverso la corresponsione delle spese di assistenza legale.

L’Ivass è l’ente che può sanzionare la Compagnia di assicurazione inadempiente, nella misura maggiore dell’importo dovuto a titolo di risarcimento spese legali. 

La Suprema Corte ha chiarito, anche che le spese sostenute a titolo di assistenza in favore di agenzie di infortunistica stradale sono ripetibili se in concreto l’attività prestata da questa fosse in astratto utile per la definizione stragiudiziale del sinistro (Cass. 9548/17, Cass. 2644/2018, Cass. 6422/2017), e tanto a prescindere dalla determinazione finale della compagnia nella vicenda stragiudiziale (Cass. 997/2010, Cass. 14444/21) e quindi quand’anche la fase stragiudiziale non sfoci nell’accordo ma necessiti del giudizio.

a cura di Nando Scacchetti – Patrocinatore stragiudiziale Tutelaprima

Contatti Tutelaprima


Chiama ora
× Parla con noi